lunedì 18 ottobre 2010

non va..

dovrei fare la staffetta dell'amicizia che la mia splendida valepi mi ha passato, ma proprio oggi non va...


forse è il cambiamento di stagione e del tempo, forse il buco al cuore che ogni tanto esce, ma non so...


ogni tanto ripenso al mio passato: un divorzio, il suicidio di mio fratello, una madre oppressiva che doveva fare padre e madre assieme e che finiva col chiudermi a chiave in casa per andare al lavoro, un padre completamente assente, un figlio iperattivo da seguire anche quando sto male...


ogni tanto mi chiedo cosa sia nascosto in quel buco di memoria che ho e nel quale nessuno riesce ad entrare...


ogni tanto ho dei piccoli ricordi, ma so che non è verità: mi rendo conto che sono i ricordi che mi hanno raccontato altre persone su di me...


io non ho i ricordi...


il mio passato, quello documentato dalla mia mente, inizia all'epoca dei miei 16 anni...


ma prima cosa c'era?


prima cosa è successo che abbia voluto così fortemente cancellarlo dalla mia vita?


vivere così non è facile: sei sempre con un buco...

10 commenti:

  1. forse se il tuo passato inizia all'epoca di 16 anni... è perchè quello precedente non vale la pena di esser ricordato

    RispondiElimina
  2. tesoro, se oggi non è giornata accantona tutto e aspetta un giorno migliore... certe cose meritano il nostro animo migliore per essere fatte e pensate: e non mi riferisco solo alle staffette. Bussola mi sorpende ogni giorno e anche questa volta forse ti sta offrendo un punto di vista diverso a cui magari non avevi mai pensato: dobbiamo imparare ad essere responsabili della nostra vita e del nostro star bene o star male. La tua vita comincia a 16 anni? Ok! Partiamo tutti da lì! Concentrarti sui bei ricordi e non su quelli dolorosi o su quelli che non ci sono... se non ci sono ci sarà un motivo e non siamo obbligati a scoprirlo... non forzare te stessa.
    tvb

    RispondiElimina
  3. Se dopo un passato turbolento sei riuscita a crearti una bella famiglia l'unico consiglio che ti posso dare è di lasciare alle spalle quello che è stato e concentrarti sul presente ed il futuro! Prima o poi vedrai che quel buco non sarà più così importante!

    RispondiElimina
  4. Ti hanno già dato ottimi consigli, qui sopra!
    Vivi il presente, serena, per quello che sei ora. Una mamma ed una moglie, penso io, molto responsabile del proprio ruolo, dato quello che hai già passato.

    RispondiElimina
  5. grazieeeeeeeeeeeeeeeeee
    è anche vero che oggi pomeriggio ho fatto il babytaxi e vedere la piscina con l'acqua azzurra mi ha tirato su, ma leggere voi ancor di più...

    RispondiElimina
  6. Concordo con quello che ha detto valepi...lascia stare questo giorno..ce ne sono d giorni che ci rendono pensierose, stanche di tutto e di tutti..uff se me ne capitano...
    ti mando un abbraccio e mi fa molto piacere leggere nel tuo blog che mi segui e mi leggi!

    RispondiElimina
  7. valentina che bello: ci sei anche tu!!!!
    grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
  8. posso azzardare un "l'avevo detto io?"... no no no... non azzardo... non è carino...
    :P

    RispondiElimina
  9. Ciao, è la prima volta che commento. Anche a me capitano giorni no e anche parecchi. Quando succede scrivo o leggo quello che scrivono gli altri. Non sempre i consigli aiutano...vale molto quello che pensiamo noi stessi, ma da quando ho un blog ho imparato che è importante esserci per gli altri anche se solo in uno spazio virtuale...e diventa importante anche che gli altri ci siano e che ti diano una parola di conforto. Io non so cosa ti sia successo da ragazza, ma il mio consiglio è questo: se puoi ricordare, ricorderai, se sforzarti di ricordare ti fa stare così male, passa avanti...guarda tuo figlio...e creagli dei ricordi che niente potrà togliervi.
    Un abbraccio.
    Rory

    RispondiElimina
  10. Ciao,
    Mi permetto di commentare per la prima volta sul tuo blog che leggo con interesse. A volte l'ignoranza e' decisamente bella. Se mi dicessero che potrei prendere la pillola blu e dimenticare il passato, la inghiottirei in un attimo. Convivere con certi ricordi invece ci fa male e ci fa vivere con l'ansia e con la paura. Mi sento di dover proteggere continuamente le mie figlie. Credimi, se potessi dimenticare, sarei la donna piu' felice del mondo. Forse conviene guardare avanti e non voltarsi piu'.

    RispondiElimina